Noi due, una storia di Allie Larkin

anteprima-piemme-noi-due-una-storia-L-iGsQ8N

Titolo: Noi due, una storia

Autore: Allie Larkin

Casa Editrice: Piemme Edizioni

Anno di edizione: 2014

Pagine: 350

Prezzo: 12,50 euro

Autore della recensione: Silvia Menini (pubblicato su MRS)

 

Troppe volte ho desiderato di essere qualcun’altra. Una che osa di più, che vive la vita assaporandone ogni minuto, senza tanti problemi o costrizioni. Una versione di me più spassosa. Ma sono sempre ricaduta in me stessa, soprattutto perché le persone che mi ruotano attorno ormai sanno come sono. Chi sono. E non si aspettano altro, riconducendomi, inesorabilmente, a me stessa.

Ma per Jenny Shaw, la protagonista di Noi due, una storia, le cose sono andate un po’ diversamente. Viene infatti mollata dal fidanzato il giorno della partenza per un viaggio di lavoro. Proprio da quel ragazzo con cui sperava di passare il resto della sua vita. Ma il fato (o forse no) sembra avere altri piani per Jenny, diversi dal rimanere chiusa in camera a piangersi addosso sperando che Deagan possa cambiare idea e tornare da lei. Viene infatti avvicinata nella hall dell’albergo da una ragazza che la riconosce come Jessie Morgan, ex compagna di scuola, e la invita alla rimpatriata degli ex alunni. Jenny vorrebbe, in un primo momento, farle notare l’errore ma poi si sente trascinata da una forza incontrollabile dentro quella che diventerà presto una bugia più grande di lei. Voglia di evasione, di fuga da una delle giornate più brutte della sua vita, da una vita che le sta ormai troppo stretta e che vorrebbe a volte cancellare per ricominciare. La possibilità di ricominciare come Jessie ce l’ha proprio lì davanti, servita su un piatto d’argento.

Stavo per dirle che non sapevo cosa stesse succedendo, che probabilmente mi aveva scambiato per

qualcun’altra, ma poi lei fece scivolare tre dita lungo la curva del mio naso e io mi ritrovai a corto di parole. Cosa si dice a un’estranea che ti tocca il naso in ascensore?

La fissai a bocca aperta, come un’idiota. «Mi piaceva il tuo vecchio naso» disse, scuotendo la testa. «Tu eri l’unica a cui non piaceva.» Sgranò gli occhi e pensai che si fosse resa conto del suo errore.

Invece esclamò entusiasta: «Ma anche questo è fantastico! Mi è sembrato che fossi diversa quando ti ho visto dall’altra parte della stanza. È davvero un ottimo lavoro, in realtà».

«Grazie» dissi. Sapevo che era assurdo, ma mi dispiaceva davvero deluderla. Sarò chi lei vuole che sia, pensai. Immaginai che poi saremmo andate ognuna per la propria strada e che avrei semplicemente cercato di evitarla per il resto della permanenza in albergo. Con tutta probabilità ci sarebbero stati un mucchio di suoi vecchi amici alla riunione di ex alunni e nella confusione si sarebbe dimenticata di me, o di chiunque pensava che fossi.

Ben presto però viene travolta da una vita (e un passato) che non le appartiene, da un gruppo di amici che la fa sentire a casa e il calore di una famiglia che non ha mai avuto (oltre a un ex fidanzato che pare non l’abbia mai dimenticata).

«È bello che voi siate come una famiglia» dissi.

«Loro sono tutto per me» rispose Myra. Gli occhi le

si riempirono di lacrime.

Anche i miei…

Ma il fascino di Jessie è solo apparente e si era creata terra bruciata attorno a sé, motivo per il quale, subito dopo il diploma, era sparita e aveva fatto perdere le proprie tracce. Jenny capirà però che si può cambiare la propria vita anche mantenendo la propria identità, provando ogni giorno a essere diversi pur rimanendo sempre se stessi.

Un romanzo divertente, brioso, di una intensità galoppante e che fa spesso sorridere e, magari, anche un po’ sognare. Una storia che parla di amicizia, di fiducia, di nuovi inizi… ma anche di amore. Da non perdere!

Allie Larkin Vive a Rochester con il marito, un gatto e un meraviglioso pastore tedesco.

Al contrario delle protagoniste dei suoi romanzi non ha mai ordinato un cane su internet e non ha mai finto di essere qualcun altro a un raduno del liceo.

Se l’amore non basta, il suo primo romanzo, ha ricevuto ottime critiche dalla stampa americana e notevole apprezzamento da parte del pubblico.

 k2479982

ABBINAMENTO VINO: (Sommelier Silvia Menini)

Un vino semplice. Un vino duttile ma dalla doppia personalità dettata da due vitigni diversi, sebbene della stessa zona.

 

Vino: Rosa Vittoria

Tipologia: Rosato

Azienda: Cantine del castello di Santa Vittoria

Vitigno: Nebbiolo vinificato in rosato 70% Arneis 30%

Zona: Roero Santa Vittoria d’Alba e Guarene

Titolo alcolometrico: 12,5%

Temperatura di servizio: 10-12°

 

Esame visivo: Rosa con riflessi chiari color cipria molto brillanti

Esame olfattivo: Intenso, con sentori di rosa, violetta, rosa appassita, biancospino, rosa canina, fiore di pesco, fiori di campo, gelsomino, ma anche sentori fruttati come ciliegia, fragola, lampone, pesca, banana, mela, melograno, arancio, mandarino, pompelmo e ananas.

Esame gusto-olfattivo: Fresco, equilibrato, persistente, morbido e grande struttura.

Abbinamenti: Da aperitivo o anche tutto pasto, specialmente con antipasti, pesce alla griglia.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...