Chiedimi se ti amo ancora di Mila Orlando

cover

Titolo: Chiedimi se ti amo ancora

Autore: Mila Orlando

Casa Editrice: Rizzoli You Feel

Anno di edizione: 2015

Pagine: 90

Prezzo: 2,49 euro

Autore della recensione: Silvia Menini (tratta da MRS)

Una notte di eccesso di alcol e di perdita della razionalità… può cancellare l’amore della propria vita?

Si può perdonare un tradimento?

Alice è sulla soglia dei 30 anni e da poco ha perso il ragazzo che pensava essere quello giusto. L’Amore della propria vita, l’anima gemella, il fatidico “per sempre”. Ma il suo tradimento in una serata di bagordi con gli amici ha distrutto tutto ciò che avevano costruito insieme. Presa dallo sconforto, decide di lasciare il proprio lavoro, che la rende insoddisfatta, e di dedicarsi a quella che è la sua più grande passione: la scrittura. Ancora meglio se si cambia pure location e dalla briosa Napoli, eccola a Milano, alla ricerca, perlomeno, di una realizzazione professionale e di un cambio di vita che le permetta di superare la sofferenza della perdita. Alice ripercorre con il pensiero la sua storia con Gabriele; dall’innamoramento alla convivenza, fino al tradimento che ha posto fine a tutti i sogni di una vita insieme.

Per lei la storia è finita. Non riesce a perdonarlo per quello che ha fatto e il pensare a lui insieme ad un’altra la manda completamente fuori di testa. Ma Gabriele non si arrende perché si rende conto che la ama alla follia e quello è stato solo l’errore di una notte dettato dall’abuso di alcol e da un lavoro che lo rende insofferente… per non parlare del rapporto con il padre che si fa ogni giorno più complicato.

Un romanzo “emozionante”, delicato, fresco, ma anche intriso di malinconia. Si parla di Amore, quello con la A maiuscola, di saper ricominciare e perdonare. Una storia che coinvolge il lettore fin da subito che si rispecchia in Alice fin dalle prime pagine. Chi, dopotutto, non ha avuto una delusione d’amore da superare?

L’Amore vero riuscirà a vincere?

k2479982

ABBINAMENTO VINO: (Sommelier Antonio Freda)

Non è facile scegliere un vino da abbinare alla storia di un tradimento causato dall’eccesso di alcol… potrebbe fare al caso nostro un vino solo all’apparenza semplice, come il lambrusco, ma che invece ha tanto da raccontare e non si può semplicemente ricondurre a semplice comprimario di una serata festosa. Questo prodotto della Cantina Paltrinieri, ottenuto con il metodo “ancestrale” della rifermentazione in bottiglia, rompe gli schemi e lascia il segno: vuoi vedere che dimenticare questo lambrusco sarà più difficile che perdonare un tradimento?

Azienda: Cantina Paltrinieri

Vino: Radice

Tipologia: Rosso Frizzante Secco

Denominazione: Lambrusco di Sorbara DOC

Vitigno: Lambrusco di Sorbara

Grado alcolico: 11,5%

Temperatura di servizio: 12-14°

Esame visivo: rosso quasi trasparente, tendente al rosa.

Esame olfattivo: profumi delicati di viola e lampone.

Esame gusto-olfattivo: schietto e asciutto in bocca, con un intenso finale agrumato.

Abbinamento: anguilla, pesci di fiume, primi piatti con sugo.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...