Maledetta gelosia di Marilena Boccola

maledetta gelosia

Titolo: Maledetta gelosia

Autore: Marilena Boccola

Casa Editrice: Self-Publishing

Anno di edizione: 3 gennaio 2018

Pagine: 136

Prezzo: 0,99 euro

Autore della recensione: Silvia Menini

Dopo il successo di “Sposa per vendetta” Marilena Boccola torna a proporci il seguito con un romanzo dalle tinte che virano dal romantico all’erotico e ci conferma come la sua scrittura sappia sempre incantare e far sognare.

Nicola de Luca è il nobiluomo dallo sguardo di ghiaccio ma anche così focoso, che ha fatto innamorare l’ingenua Marinella la quale però, stremata dal rapporto fatto di amore e odio con il marito, ha deciso di andarsene portando nel suo grembo il tanto desiderato erede predestinato a tramandare il nome della casata. Una dimostrazione di un carattere forte e determinato che fa amare ancora di più questa eroina con la quale ci si identifica fin dalle prime righe.

Ma si sa, all’amore non si comanda e quello che all’inizio era nato come un matrimonio per vendetta, si è presto trasformato un sentimento struggente e passionale, tanto da far abbassare la guardia al duro Nicola che parte per il Nord, lasciando così momentaneamente il Salento, per riportare a casa la sua amata. Ma le cose non sono sempre semplici come invece si auspica e i due protagonisti devono confrontarsi con ulteriori ostacoli posti sul loro cammino. Marinella è estremamente orgogliosa, mentre Nicola troppo fiero e geloso per evitare il disastro imminente che è proprio dietro l’angolo. Entrambi hanno un carattere forte e ben definito che incrementa un rapporto già duro da sostenere.

Sarà proprio questa caratteristica di Nicola a portarlo a cadere nella trappola della gelosia, dando luogo a incomprensioni e fraintendimenti che lo allontaneranno dalla sua amata.

Ma l’amore vince ogni cosa?

Maledetta gelosia è sì il seguito di Sposa per vendetta, ma è autoconclusivo e può essere letto anche senza aver affrontato il romanzo precedente e, come questo, è ambientato nel Salento degli anni Settanta e si ispira liberamente agli Harmony di quei tempi. La struttura del romanzo è semplice anche se di grande impatto, e affronta temi quotidiani quali la gelosia, gli amori passionali ma anche burrascosi, i tradimenti ma comunque con un lieto fine che riscalda il cuore.

k2479982

Abbinamento (Sommelier Silvia Menini)

Un amore burrascoso ma che vede comunque il lieto fine nella bellissima terra del Salento. Ed è proprio da qui che proviene il vino che abbiamo scelto in abbinamento. Una terra calda, amichevole, che ispira con i suoi colori e paesaggi. Una terra che accoglie, anche se non da subito, la nostra protagonista in un caldo abbraccio e che la farà sentire a casa.

Azienda: Castello Monaci

Vino: Acante

Denominazione: Salento Fiano IGT

Vitigno: Fiano 100%

Annata: 2016

Gradazione: 12%

Temperatura di servizio: 8-10°

 

Colore: Giallo paglierino tenue.

Profumo: Sentori fruttati (pere, ananas) e note di miele.

Gusto: All’assaggio è fresco, fragrante, equilibrato, con note di frutta fresca e un piacevole finale di nocciola tostata.

Abbinamenti: Ideale con i crostacei, le insalate di mare e il pesce alla griglia, Acante si abbina anche con i piatti a base di verdure, con i risotti di terra e di mare e con i formaggi freschi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...