La stanza della tessitrice di Cristina Caboni

la tessitrice

Titolo: La stanza della tessitrice

Autore: Cristina Caboni

Casa Editrice: Garzanti

Anno di edizione: 18 ottobre 2018

Pagine: 304

Prezzo: 18,60 euro

Autore della recensione: Silvia Menini

Camilla decide di iniziare una nuova vita e per farlo si è trasferita a Bellagio dove può realizzare abiti che sono ben più di semplice tessuto da indossare. Il suo dono è proprio quello di ridare vita ai capi considerati ormai vecchi e nei quali trasmette tutto il suo amore per i tessuti e gli abiti che crea e che sono in grado di cogliere le emozioni, i sogni e i desideri delle clienti. Un giorno però è costretta ad abbandonare questa sua passione per tornare a Milano da Marianne, la donna che l’ha cresciuta come una madre dopo la morte dei genitori. Il cruccio di Marianne è quello di non aver tenuto fede alla promessa fatta alla madre Caterina in punto di morte e di ritrovare la sorella Adele. L’unico modo per ritrovare la sorella che non ha mai conosciuto è quella di seguire l’indizio ritrovato nelle cuciture interne di un vestito: un sacchetto che custodisce una frase di augurio per una vita felice. Questo dettaglio la riporta alla leggenda che narra di Maribelle, una stilista che durante la seconda guerra mondiale era soprannominata la “Tessitrice di sogni” in quanto era solita nascondere nei suoi capi i desideri e le speranze delle donne che li portavano. Ma che legame c’è tra Maribelle e Caterina? Parigi è la risposta, il luogo da dove partire per ritrovare la sorella, anche se ciò significa scavare dentro se stessa in un vero e proprio viaggio attraverso le storie che legano queste donne.

“La vita è come una catena composta da tante maglie, a una se ne collega un’altra, e così via. E se credi di interromperla, quella catena, restando a guardare, sei solo un illuso. Perché anche quello avrà una conseguenza. Ogni azione ha una causa, ogni azione ha una conseguenza.”
Questo è un romanzo emozionante, che entra a gamba tesa nel mondo della tessitura diventandone il filo conduttore che lega i destini di tutte le donne protagoniste, riuscendo a mescolare presente e passato in una trama fitta.

Le protagoniste sono ben tratteggiate, con la loro femminilità, voglia di indipendenza e modernità, la narrazione risulta avvolgente ed emozionante ricca di patos.

cavalibri

Abbinamento (Sommelier Antonio Freda)

Una descrizione spesso utilizzata dai sommelier per descrivere favorevolmente un vino è quella di essere caratterizzato da una piacevole “tessitura” o “trama”, in particolare per evidenziare nei vini rossi il bilanciamento tra i tannini e le altri componenti che ne determinano il gusto.

Il vino proposto, seppure ancora giovane, riesce già a rendere merito al lavoro di “tessitura” del suo produttore.

Azienda: Capezzana

Vino: Trefiano

Tipologia: rosso

Denominazione: Carmignano Riserva DOCG

Vitigni: 70-80% Sangiovese, 10-20% Cabernet Sauvignon, 10% Ciliegiolo

Anno: 2015

Grado alcolico: 14%

Temperatura di servizio: 18°

 

Vista: rosso rubino intenso con riflessi granati.

Profumo: intenso ed elegante, con note di viola, piccoli frutti rossi, spezie dolci e liquirizia.

Gusto: avvolgente e persistente

Abbinamenti: carne rossa alla brace.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...